Multilingual Folk Tale Database


Information

Author: Giambattista Basile - 1634

Original version in Neapolitan

Country of origin: Italy

Story type: Search for the Lost Husband (ATU 425A)

Translations

German - viewaligned


Add a translation

Catenaccio

Giambattista Basile

Lucia va ped acqua a na fontana e trova no schiavo che la mette a no bellissimo palazzo, dove è trattata da regina. Ma da le sore ’midiose consigliata a vedere co chi dormesse la notte, trovatolo no bello giovene ne perde la grazia ed è cacciata. Ma, dapo’ essere iuta sperta e demerta grossa prena na maniata d’anne, arriva ’n casa de lo ’nammorato, dove, fatto no figlio mascolo, dapo’ varie socciesse fatto pace, la deventa mogliere.

Moppe a gran compassione lo core de tutte le desgrazie passate da la poverella de Lisa e chiù de quatto fecero l’uocchie russe co le lagreme ’m ponta, che non è cosa che chiù tetelleca la pietate quanto lo vedere chi patisce ’nnozentemente; ma toccanno a Ciommetella de votare sto filatorio, cossì decette: «Li consiglie de la ’midia sempre foro patre de le desgrazie, perché sotto la mascara de lo bene chiudeno la facce de le ruine e la perzona che se vede la mano a li capille de la Fortuna deve ’magenarese d’avere a tutt’ore ciento che le mettono le fonecelle tirate ’nanze li piede pe farelo tommoliare, comme soccesse a na povera figliola, che pe lo male consiglio de le sore cadette da coppa la scala de la felicità e fu meserecordia de lo cielo che non se roppe lo cuollo.

Era na vota na mamma c’aveva tre figlie, che pe la pezzentaria granne c’aveva pigliato pede pede a la casa soia, la quale era chiaveca dove correvano le lave de le desgrazie, le mannava pezzenno pe mantenere la vita.

Ed avenno na matina abboscato certe fronne de caole, iettate da no cuoco de no palazzo, e volennole cocinare, disse una ped una a le figlie che iessero pe no poco d’acqua a la fontana. Ma l’una co l’autra se la pallottiava, e la gatta commannava la coda, tanto che la povera mamma disse: «Commanna e fa tu stisso», e, pigliato la lancella, voleva ire essa pe sto servizio, ancora che pe la gran vecchiezza non poteva strascinare le gamme.

Ma Luciella, ch’era la chiù picciola, disse: «Dà ccà, mamma mia, ca sì be’ n’aggio tanta forza quanto me vasta puro te voglio levare sto travaglio». E, pigliatose la lancella, iette fora la cetate dove steva na fontana, che pe vedere li shiure smaiate pe la paura de la notte le iettava acqua ’n facce, dove trovaie no bello schiavo, che le disse: «Bella fegliola mia, se vuoi venire co mico a na grotte poco lontana te voglio dare tante belle coselle».

Luciella, che steva sempre speruta de na grazia, le respose: «Lassame portare sto poco d’acqua a mammama, che m’aspetta, ca subeto torno». E, portato la lancella a la casa, co scusa de ire cercanno quarche tacca tornaie a la fontana, dove trovato lo medesemo schiavo se l’abbiaie appriesso e fu portata, pe drinto na grotte de tufo aparata de capillevienere e d’ellera, drinto a no bellissimo palazzo sotto terra, ch’era tutto lampante d’oro, dove le fu subeto apparecchiata na bellissima tavola; e fra tanto scettero doie belle schiantune de vaiasse a spogliarela chille poche straccie che portava ed a vestirela de tutto punto, facennola corcare, la sera, a no lietto tutto recamato de perne e d’oro, dove, comme furo stutate le cannele, se venne a corcare uno.

La quale cosa durata na mano de iuorne, all’utemo venne golio a sta figliola de vedere la mamma e lo disse a lo schiavo, lo quale, trasuto a na cammara, parlato non saccio co chi, tornaie fora, dannole no gran vorzone de scute e decennole che le desse a la mamma, allecordannole a no scordarese pe la via, ma che tornasse priesto, senza dire a nesciuno da dove veneva né dove stesse.

Ora, iuta la fegliola e vedennola le sore cossì bella vestuta e cossì bona trattata, n’appero na ’midia da crepare. E, volennosenne tornare Luciella, la mamma e le sore la vozero accompagnare; ma essa, refutanno la compagnia, se ne tornaie a lo medesemo palazzo pe la stessa grotta e, stanno n’autra mano de mise quieta, all’utemo le venne lo stisso sfigolo, e fu co lo stisso protiesto e co li stisse donative mannata a la mamma.

E dapo’ essere socciesso sto chiaieto tre o quatto vote, co refonnere sempre sceroccate de ’midia a la guallara de le sore, all’utemo tanto scervecaro ste brutte arpie che pe via de n’orca sapettero tutto lo fatto comme passava e, venuta n’autra vota da loro Luciella, le dissero: «Si be’ non ce hai voluto dire niente delli guste tuoie, agge da sapere ca nui sapimmo ogne cosa e ca ogne notte, essennote dato l’addobbio, non te puoi addonare ca dorme co tico no bellissemo giovane. Ma tu starrai sempre co st’allegrezza a repieneto, si non te resuorve de fare lo consiglio de chi te vo’ bene: all’utemo sì sango nuostro e desiderammo l’utele e lo gusto tuio. Però, quanno la sera te vaie a corcare e vene lo schiavo co lo sciacquadente, e tu, decennole che te piglia na tovaglia pe te stoiare lo musso, ietta destramente lo vino da lo becchiero, azzò puozze stare scetata la notte. E comme vedarrai mariteto addormuto apre sto catenaccio ca, a despietto suio, besogna che se sfaccia sto ’ncanto e tu restarrai la chiù felice femmena de lo munno».

La povera Luccia, che non sapeva ca sotto sta sella de velluto ’nc’era lo garrese, drinto sti shiure ’nc’era lo serpe e drinto sto vacile d’oro ’nc’era lo tuosseco, credette a le parole de le sore e, tornata a la grotte e venuta la notte, fece comme le dissero chelle ’miciate. Ed, essenno tutte le cose zitto e mutto, allommaie co lo focile na cannela e se vedde a canto no shiore de bellezza, no giovane che non vedive autro che giglie e rose.

Essa, vedenno tanta bellezzetudene cosa, disse: «Affé, ca no me scappe chiù da le granfe!» e, pigliato lo catenaccio, l’aperze e vedde na mano de femmene, che portavano ’n capo tanto bello filato. A una de le quale cascata na matassa, Luciella, ch’era cunno de lemmosena, non recordannose dove steva auzaie na voce decenno: «Auza, madamma, lo filato!».

A lo quale strillo scetatose lo giovane, sentette tanto desgusto d’essere stato scopierto da Luciella c’a la medesema pedata, chiammato lo schiavo e fattole mettere le primme straccie ’n cuollo, ne la mannaie, che co no colore de sciuto da lo spitale tornaie a le sore, da le quale fu co triste parole e peo fatte cacciata.

Pe la quale cosa se mese a pezzire pe lo munno: tanto che, dapo’ mille stiente, essenno la negrecata grossa prena, arrevaie a la cetate de Torre Longa e, iuta a lo palazzo riale, cercaie quarche poco de recietto ’ncoppa la paglia, dove na dammecella de corte, ch’era na bona perzona, la raccouze, ed essenno l’ora de scarrecare la panza fece no figliulo accossì bello ch’era na puca d’oro.

Ma la primma notte che nascette, mentre tutte l’autre dormevano, trasette no bello giovane a chelle cammare decenno: «O bello figlio mio, se lo sapesse mamma mia ’n conca d’oro te lavarria, ’n fasce d’oro te ’nfasciarria e si maie gallo cantasse, mai da te me partarria!». Cossì decenno, a la primma cantata de gallo, squagliaie comm’argiento vivo.

De la quale cosa essennose addonata la dammecella, e visto ch’ogne notte veneva lo stisso a fare la stessa museca, lo disse a la regina, la quale – subeto che lo Sole comm’a miedeco lecenziaie da lo spitale de lo cielo tutte le stelle – fece no banno crudelissimo, che s’accedessero tutte li galle de chella cetate, facenno tutto a no tiempo vedole e carose quante galline ’nc’erano.

E tornanno la sera chillo medesemo giovane, la regina, che steva sopra lo fierro e no sceglieva nemmiccole, recanoscette ch’era lo figlio e l’abbracciaie strettamente.

E, perché la mardezzione data da n’orca a sto prencepe era che sempre iesse spierto lontano da la casa soia fi’ che la mamma no l’avesse abbracciato e lo gallo no avesse cantato, tanto che subeto che fu tra le braccia de la mamma, se desfece lo percanto e scompette lo triste ’nfruscio.

Cossì la mamma se trovaie avere acquistato no nepote comme na gioia, Luciella trovaie no marito comme no fato e le sore, avuto nova de le grannezze soie, se ne venettero co na facce de pepierno a trovarela. Ma le fu resa pizza pe tortano e foro pagate de la stessa moneta e co

gran crepantiglia d’arma canoscettero ca

figlio de la ’midia è l’antecore».